“SILURI”

TS1627__08911.1360551471.1280.1280

Ce ne sono di vario tipo : ” Ad aria compressa, ad ossigeno, a vapore, a filo, a volano, a propulsione elettrica etc. etc. ” Se ti devono colpire state tranquilli arrivano che è una meraviglia! Certo che  in guerra e a bordo di un sottomarino te lo puoi anche aspettare, ma nella vita,  arrivano quando meno te lo aspetti e spesso sotto mentite spoglie:

Il  Cupidosiluro :  “Ma Ciaooooo!  ti ricordi di quel mio amico figo? Ma quello figo-figo !?!  ( e già li una si sfrega le mani ) ha un amico  da farti conoscere.. ”  Ecco, non sarà mai come l’amico !

L’ Amicosiluro  : ” Ciao come stai tutto bene? A casa? La famiglia? Senti hai impegni domenica  mattina alle 6..? ”  Poi lo fai anche se fuori nevica rosso con 50 di febbre, gli amici si aiutano sempre !

Il  Lavorosiluro : ” Ciao ci sarebbe una nuova opportunità ….” Ecco quello è il momento di guardare al cielo!

Potrei andare avanti all’infinito e fare esempi sicuramente più tragici, ma vorrei arrivare al punto, si insomma i siluri quando colpiscono ti centrano in pieno ma uno come reagisce ? Si può rimanere KO per quanti secondi? ore? giorni? ma poi il tuo corpo, la tua testa, il tuo cuore cosa fanno? I tempi di ripresa rallentano o aumentano? Io direi che  poi alla fine ci si abitua pure, certo non è il massimo, anche perchè se una persona si comporta bene “teoricamente” non dovrebbe riceverne, invece, cosa succede? mi accorgo sempre più del contrario, sono direttamente proporzionali + buoni + siluri, ma perché ?  Forse bisognerebbe pensarla diversamente, girarli anzi dirottarli a proprio vantaggio?  Un Involuzione che li porti da armi da distruzione di massa a semplici supposte di tachipirina, che se sei uno straccio ti esce anche un mezzo sorriso di conforto nel scoprire che ne hai ancora una non scaduta in fondo al cassetto! Voglio immaginarli così , si “Io” mi voglio immaginare così come una vecchia “Pin-up”  anni ’50 a cavallo del ” Suo” siluro destriero, capace di portare sempre un sorriso smagliante sulla bocca ed una piega perfetta NONOSTANTE TUTTO, perchè poi è quello che aiuta… la piega? No SORRIDERE!

“Mockumentary ” … Quello sconosciuto!

Potrei non scrivere altro che con il titolo ho detto tutto si’, ma perchè non raccontarvi della mia beata ignoranza? Che poi non è nemmeno solo mia … ma diciamo che a me piace proprio dirlo a tutti, un po’ come quando sei ubriaca e se hai un segreto o una cosa che non vorresti far sapere nessuno, poi lo sa il mondo intero, tipo che vai in giro con un tacco rotto e lo fai vedere a tutti! Si’ insomma, del sano e puro masochismo! Settimana scorsa su Sky Arte, nuovo canale sky hanno messo in programmazione: Joaquin Phoenix – Io sono qui! (I’m Still Here) ” di Casey Affleck . Nelle Info parlava di un videometraggio sulla decisione dell’attore di abbandonare il cinema per dedicarsi all’ Hip Hop.. Ho subito sgranato gli occhi e ho detto “Ma perchè ?!! Perche’ uno con tale bravura fa tutto cio’ !!?”  Allora curiosa come una scimmia (si’ lo sono tantissimo) ho iniziato a vederlo. Ero incredula al punto da chiamare mio marito per dirgli di venire a vederlo insieme a me,  quando lui, si’  Joaquin Phoenix, inizia a pippare cocaina grasso come un porco e a cantare rap scarsissimo… Ma l’apice l’ha toccato quando un suo amico gli ha cacato in testa mentre lui dormiva ..(va beh scene trash..ma immaginatevi il mio stupore!). Interviste al David Letterman Show, Red carpet , ecc. Insomma lo abbiamo visto tutto e come due “Babbi”  ne abbiamo parlato per due giorni convinti che cio’ avevamo visto fosse vero !
Fino a ieri, quando spulciando nel web scopro che cosa è  un “mockumentary ” ovvero un documentario Fake! E tra i piu’ celebri vi e’ proprio quello che avevamo visto! Si lo so niente di grave, ma mi ha ha dato da riflettere che a volte la beata ignoranza  paga, perchè se avessi saputo da subito che tutto era falso, la risata, lo stupore, il disgusto non lo avrei avuto! Sicuramente Joaquin è stato un grande: ho letto che è rimasto nel personaggio per tutto il tempo e nessuna delle persone del settore sapeva che si trattava di un falso! Ma noi siamo davvero sicuri di voler sapere sempre tutto? Vogliamo davvero essere consapevoli di quello che sta succedendo, o amiamo avere un po’ di sana beata ignoranza?