La Vita di Cri Cuisine:

La Vita di Cri apre una nuova sezione “Cuisine” , Perche’ oltre al bicchiere anche il piatto  é mezzo pieno, di solito é il bis! Insomma semo sempre a magnare, quindi per gli amanti della materia prima ogni tanto postero’ manicaretti ed esperimenti o trucchetti (risciti e no)  miei o di altri…

Per oggi “fagottini di verza con risotto mantecato al profumo (e sapore) di verdure e salsiccia” .

Ingredienti per 12 involtini:

Riso – tre manciate grosse per persona
Salsiccia – 350 ma se vi piace piu saporita aggiungetene di piu riducete di riso
1 Carota
1 Sedano piccolo
1 Cipolla ( quella che avete)
Olio 4 cucchiai
Burro 30 gr
1 Verza 150 grammi cmq calcolate che 12 foglie medio/grandi servono intere
brodo vegetale (  dado e poi ho aggiunto acqua di cottura del cavolo)
Sale
Vino ( mezzo bicchiere..!!)
Pepe (se  non avete problemi.. e non aggiungo altro..)
Parmigiano Reggiano ma se ne avete altro tipo Echissenefrega ma un 100 grammi io l’ho ho messo tutto )
altro burro e Parmigiano per gratinare al Forno

Siete Prontiiiiii ??!!

Mettete a bollire due pentole d’acqua una  per il brodo l’altra per sbollentare le foglie della Verza ( precedentemente lavata , alle foglie togliere la parte bianca dura centrale  )

Con Il mixer, ma se vi piace andare di coltello per sfogare le vostre ansie tritate finemente  carota sedano e cipollla  e a parte tritate il cuore della verza che nn avete utilizzato .

sbollentate in acqua bollente3 minuti le foglie se non sono 12 pazienza alcune saranno piu’ grandi e compenseranno!!

Sciogliete a fiamma moderata  il burro nell’olio e poi aggiungete in trito di verdure , quando avranno preso colore ,  versate il  riso quando sarà lucido sfumate con il vino bianco , poi aggiungete la salsiccia sbriciolata e quando  sarà bella rosolata  versate un mestolo di brodo e la verza precedentemente tritata. Salate, pepate e continuate a cuocere il risotto aggiungendo un mestolo di brodo alla volta … A fine cottura  aggiungete il parmigiano e amalgamate bene.

A mio figlio ho servito direttamente il risotto invece  per noi adulti ho continuato con la ricetta..

Prendete una foglia di verza aperta, mettete al centro   una bella cucchiaiata di riso chiudete a pacchetto , mettete il fagottino  (con la parte ripiegata verso il basso) in una pirofila che avrete precedentemente cosparso con un filo d’olio e mezzo mestolo di brodo vegetale . Procedete così fino a terminare gli ingredienti, riponendo tutti gli involtini vicini l’uno con l’altro fino a riempire la pirofila. Cospargete con il burro fuso e il formaggio grattugiato. Infornate in forno già caldo a 200° per circa 15 minuti e poi ultimate la cottura accendendo il grill per 5 minuti. Sfornate gli involtini e serviteli dopo averli fatti riposare per 10 minuti.

Un modo carino per utilizzare una verdura poco usata … e Buon Appettito!

“LO SPEZZATINO ” Arti culinarie e NON

Una volta si diceva che gli uomini per conquistarli li si doveva anche “prender per la gola” preparando deliziosi manicaretti culinari che inducevano l’omo bruto a sposarti non solo per le tue grazie ma anche per questa virtu’, diciamo che non tutte potevano usare quest’arma per la conquista del principe azzurro ma oggi grazie all’ avvento dei surgelati e del kebab d’asporto è un caso “quasi” chiuso, tanto lo si sà  che come cucina la suocera non cucinerà MAI nessuno, frasi del tipo ” Ehhh ma quel sugo come lo faceva mia madre..”  sono ancor oggi usate da mio suocero nel pranzo domenicale, mio marito vedendomi all’opera durante gli allenamenti di boxe non si permette minimamente ma poi diciamo che cucino abbastanza bene…certo che le polpette come le fa’ mia mamma..ahahahahah va beh un leitmotiv infinito! Ad ogni modo oggi bisogna stare sul pezzo su tutto, parole dal significato certo sono ormai totalmente decontestualizzate, come ieri , mio marito invita degli amici per lo “spezzatino” infrasettimanale,  che una se mi sente pensa ” va che brava donnina di casa che cucina per tutti” , peccato che  non rimanda piu’ a quel bel piatto caldo di carne e piselli fumante tipico d’autunno ma a delle urla feroci accompagnate da stati d’ansia con mani sudate di fogli scommessa SNAI durante un turno infrasettimanale di calcio!

Sono comunque bei momenti conviviali moderni dove forse le donne di una volta che sudavano come scrofe davanti ai pentoloni di carne e sugo sicuramente avrebbero un po’ invidiato!

SPEZZATINOMOMENT