Quella volta che.."UNA QUESTIONE DI LINGUA"

E’ un po che non scrivo, ma se devo dire cose banali preferisco il niente, poi la mancanza della mia materia prima (cellulare) mi ha resettato il cervello per un po’ di giorni.
Stamane però mentre ero nella solita coda del solito traffico, ho pensato che potrei fare anche una sezione dedicata a ” QUELLA VOLTA CHE..” Perchè il passato è passato, ma i ricordi rimangono sempre, e quando uno la combina grossa è giusto che si sappia!.. perchè tacere?
Quando ho vissuto in Argentina ho frequentato (oltre al tango ed a un corso di spagnolo ) un corso di parrucchiera, perchè se mai fossi rimasta lì a vivere definitivamente, mi sarebbe piaciuto aprire un negozietto di “PELUQUERIA” … con un corso di 5 mesi avevi in mano il tuo bel certificato per iniziare una fantastica carriera di hair stylist. Ora il diploma lo utilizzo solo per tagliare la frangetta di mio figlio.
Bene, mentre ero sul finire del corso si praticava su modelle vere (donne in preda alla follia che si facevano fare di tutto da noi giovani inesperte).
Ad un certo punto la professoressa mi dice: “Cristiana andà a buscar el ayudante!” trad. ” Cristiana vai a cercare l’aiutante ” (calcolate che già dopo un anno la lingua spagnola la parlavo abbastanza bene). Non conoscendo l’aiutante però domando ” Como es?” trad. “Com’è?” ..risposta “Petisito y Negro” trad. “piccolino e scuro” (si dice negro per indicare una persona con capelli scuri, non ha alcuna accezione razzista).
Bene, mi armo di buona volontà e vado a cercare quest’uomo piccolo e scuro all’interno della scuola ..dopo un 30 minuti abbondanti (non ero a Berkeley..) torno dicendo che non c’era nessun uomo all’interno della scuola, provocando così una grassa risata generale di tutte le presenti. Poi, asciugatasi le lacrime, la Prof. mi dice “Mira Cristiana esto el Ayudante!” trad. ” Guarda Cristiana questo è l’aiutante!!”

Era lì ..”piccolo e nero” ..pronto a sorreggere quasiasi spazzola e phon, ed ho iniziato anche io a ridere come una scema!

Ditemi, è capitato anche a voi di fare errori del genere capendo “Roma” per “Toma” in altri paesi? in vacanza o per lavoro? 
o addirittura a casa vostra!?!

Annunci

4 pensieri su “Quella volta che.."UNA QUESTIONE DI LINGUA"

  1. Beh devo dire che molte volte mi capita , ma a Londra quando sono andato alla reception per chiedere il riduttore per il phon e siamo andati avanti 15 min io a imitare il rumore del Phon e la receptionist a farmi il mimo del telefono e stato fantastico io è mia moglie a ridere come due pazzi!!!!!! Ale il tuo parrucchiere!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...